La cultura e la letteratura italiana dell’esilio nell’Ottocento: nuove indagini

L’esule di Antonio Ciseri (1860 circa), Museo Civico di Lugano

Seminario di studi
La cultura e la letteratura italiana dell’esilio nell’Ottocento: nuove indagini

Bruxelles, 19-20 marzo 2018
Université Libre de Bruxelles – Vrije Universiteit Brussel

Appello a comunicazioni

La presenza, nelle vicinanze di Bruxelles, di una nutrita colonia di esuli nei primi decenni dell’Ottocento ci ha indotto a proporre una rinnovata riflessione sul tema dell’esilio negli anni del Risorgimento, sulle sue modalità, sulle risultanze letterarie e culturali di quelle esperienze. L’incontro si svolgerà a Bruxelles, all’Université Libre “ULB” e alla Vrije Universiteit “VUB” nei giorni 19 e 20 marzo 2018, intorno al tema dell’esilio. La lezione introduttiva Scrivere in esilio: dalle origini al Risorgimento di Silvia Tatti per la Cattedra Emile Lorand di Linguistica e di Letteratura, che proseguirà alla VUB fino al 23 marzo, fungerà da opportuna introduzione a una giornata di studi divisa sulle due sedi universitarie della capitale belga ed è intesa anche come incontro della sezione belga dell’Istituto per la Storia del Risorgimento.
I temi degli interventi potranno vertere su:
– le modalità dell’esilio (la sanzione dell’allontanamento dalla patria, la relegazione, l’esilio volontario ecc.);
– i rapporti degli esuli con le comunità di arrivo e di provenienza;
– le reti di esuli in Europa;
– le costanti e i caratteri unificanti dell’esperienza degli esuli;
– la produzione letteraria e l’attività culturale legata all’esilio;
ecc.

Aspettiamo le vostre proposte di relazione per il 29 ottobre 2017 agli indirizzi email Dirk.Vanden.Berghe@vub.be, Sabina.Gola@ulb.ac.be e Claudio.Gigante@ulb.ac.be. Per ora un titolo è sufficiente, vi chiederemo più avanti una breve descrizione dell’argomento. Gli interventi, previsti per il pomeriggio del 19 marzo all’università ULB e per la mattina del 20 marzo all’università VUB, avranno una durata di 25 minuti.
Stiamo valutando l’ipotesi di far confluire le relazioni del seminario (dieci all’incirca) in un volume collettaneo, pubblicato presso l’editore internazionale Peter Lang, nella collana “Il secolo lungo. Letteratura italiana 1796-1918”, diretta da Claudio Gigante e Dirk Vanden Berghe.

Ai relatori potremo offrire almeno l’alloggio per la notte di domenica 18 marzo nell’U-Residence della Vrije Universiteit Brussel (stanze singole confortevoli nella foresteria nuova; la disponibilità attuale di doppie è scarsa) e i pranzi dei giorni 19 e 20 marzo. Dovremo valutare più avanti se saremo in grado di coprire la seconda notte nell’U-Residence (lunedì 19 marzo) ma, per chi lo desidera, potremo in ogni modo prenotarla fin da ora: vogliate quindi specificarlo nella vostra risposta. Per il viaggio andata e ritorno, vi chiediamo di usufruire dei vostri propri fondi di ricerca.

Dirk Vanden Berghe (Vrije Universiteit Brussel)
Sabina Gola e Claudio Gigante (Université Libre de Bruxelles)

Le vie dell’italiano: mercanti, viaggiatori, migranti, cibernauti (e non solo). Percorsi e incroci tra letteratura, lingua, arte e civiltà

XXIII Congresso AIPI (Siena, Settembre 2018)

Le vie dell’italiano: mercanti, viaggiatori, migranti, cibernauti (e non solo)
Percorsi e incroci tra letteratura, lingua, arte e civiltà
Università per Stranieri di Siena, 5 – 8 settembre 2018

Il tema del congresso trae spunto dalla posizione e dalla storia di Siena, tappa importante della via Francigena, crocevia di scambi commerciali, finanziari e culturali eccellenti fin dall’età medievale, meta turistica e di culto, antica sede universitaria e ancora oggi polo di relazioni accademiche internazionali in innumerevoli settori, con le sue due Università (Siena Studi e Siena Stranieri), l’Accademia Musicale Chigiana, il Conservatorio “Rinaldo Franci” e l’Accademia Nazionale del Jazz, il museo del Santa Maria della Scale e dell’Opera del Duomo, la Pinacoteca. Una città oggi lontana dai centri nevralgici del potere e dalle grandi vie di comunicazione, eppure capace da sempre di stringere fitti legami con il resto del mondo, così come lo è la lingua e la cultura italiana. Su queste dinamiche di percorsi e incroci possibili, fra letteratura, lingua, arte e civiltà, fino alle manifestazioni contemporanee dell’accoglienza (turisti, lavoratori stranieri, richiedenti asilo), si propone di riflettere questo convegno, in cui il viaggio, la strada, il cammino (in senso fisico e metaforico) faranno da sfondo per rappresentare alcuni dei tanti aspetti che caratterizzano oggi la specificità dell’insegnamento dell’italiano come seconda lingua in Italia e nel mondo. Gli argomenti che saranno trattati toccheranno quindi, in prospettiva sia diacronica che sincronica, le evocazioni qui suggerite in relazione alle discipline più rilevanti per i professori di italiano in Italia e nel mondo, fra cui ricordiamo la letteratura, la linguistica italiana, la sociolinguistica, la glottodidattica, la linguistica educativa, la scienza delle comunicazioni, la storia dell’arte, l’antropologia culturale.

Coordinamento del Comitato Organizzatore: Pierangela Diadori (Università per Stranieri di Siena)

Comitato Scientifico dell’Università per Stranieri di Siena: Carla Bagna; Daniela Brogi; Pietro Cataldi; Giovanna Frosini; Alessandra Giannotti; Sabrina Machetti; Claudio Pizzorusso; Lucinda Spera; Massimiliano Tabusi; Donatella Troncarelli; Massimo Vedovelli; Andrea Villarini.

INFORMAZIONI SULLE SEZIONI TEMATICHE E CALL FOR PAPERS
www.infoaipi.org