Scrittrici in esilio tra Ottocento e Novecento

Scrittrici in esilio tra Ottocento e Novecento

A cura di Silvia Tatti, Chiara Licameli

Quodlibet, 2022, pp. 240

Presentazione:

Tra esilio e scrittura esiste da sempre un nesso fortissimo; la letteratura contribuisce a riannodare i fili dell’esperienza e a rielaborare la perdita di ogni riferimento personale, linguistico, culturale. Nel caso delle scrittrici, almeno fino a Novecento avanzato, ogni esperienza di sradicamento è aggravata da una ancora incerta condizione autoriale che rende più problematico il rapporto con la scrittura.
Il volume indaga il lavoro di molte autrici, da Cristina di Belgiojoso a Erminia Fuà Fusinato, Maria Zambrano, Agota Kristof, che tra Ottocento e Novecento hanno vissuto l’esilio per motivi politici e hanno dovuto ricostruire un’identità, anche linguistica e letteraria, in condizioni profondamente diverse da quelle consuete. Nei loro scritti e nelle loro tragiche vicende si evidenzia tutto il significato profondo e la forza reattiva che la scrittura riveste come elemento di resistenza contro la negatività del trauma. Il linguaggio esiliaco, d’altronde, soprattutto nel caso di donne scrittrici, esprime non solo una dimensione di alterità comune a tutte le esperienze di allontanamento forzato o volontario dalla patria (come avviene ancora in Clementina de Como, Louise Hamilton o Elisa Chimenti), ma dà anche voce, in casi come quello di Emma o Anna Maria Ortese, a una condizione di esclusione e di non appartenenza condivisa, indipendentemente dallo sradicamento territoriale, da tante scrittrici vissute tra Ottocento e Novecento.

Indice

  • Silvia Tatti, La scrittura femminile alla prova della storia e dell’esilio tra Ottocento e Novecento
  • Gabriella Romani, «Il municipalismo del dolore»: l’identità ebraica di Erminia Fuà Fusinato esule tra Firenze e Roma
  • Chiara Licameli, «Od esule od oppresso / Visse chi grande fu»: militanza politica e poesia in Erminia Fuà Fusinato
  • Laura Fournier-Finocchiaro, Monica Salvetti, L’esilio volontario di Clementina de Como nell’Italia del Risorgimento attraverso la sua autobiografia
  • Mercedes Arriaga Flórez, Memoria, racconto e autobiografia in Ricordi dall’esilio di Cristina Trivulzio di Belgiojoso
  • Alessia Testa, Questione di genere, imperialismo ed autobiografismo nella letteratura d’esilio di Cristina Trivulzio di Belgiojoso
  • Ombretta Frau, Una congiura di buoni. L’esilio dell’anima in Una fra tante
  • Patrizia Guida, L’altrove negli scritti di Louise Hamilton Caico
  • Camilla M. Cederna, Alterità e métissage nella scrittura di esilio di Elisa Chimenti, «eterna viaggiatrice nel paese delle chimere»
  • Katjia Torres, Elisa Chimenti, la donna mediterranea y su riḥla – viaje de vida en contexto islámico – en el imaginario de género
  • Elisabetta Sarmati, María Zambrano. I luoghi dell’esilio: la frontiera, il deserto e l’isola
  • Rosanna Morace, Lingua materna/matrigna/adottiva: il trauma dell’esilio e le sue orme verbali
  • Flavia Caporuscio, Cartografie ortesiane: esilio, patria, utopismo
  • Franca Sinopoli, Riflessi della condizione “esilica” nella cultura contemporanea: intersezioni tra esilio e critica in Edward W. Said

Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée.

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search