Di esuli, migranti e altri viaggiatori: trans(n)azioni fra letteratura e storia

Di esuli, migranti e altri viaggiatori: trans(n)azioni fra letteratura e storia

a cura di Dario Prola e Stefano Rosatti

Italipolis, vol. 3, Warszawa, DiG 2020

Esuli, migranti, folli e visionari, ambasciatori tra le culture e tra gli Stati: in questo volume sono presentate le molteplici declinazioni che la figura del viaggiatore italiano ha assunto nel mondo contemporaneo e non solo, interpretando quello spirito cosmopolita di apertura e di dialogo che fu l’autentico genio dell’Umanesimo e che come un filo rosso è stato capace di percorrere l’intero arco delle nostre lettere fino all’epoca contemporanea, invano respinto e mai definitivamente negato neppure nei periodi più bui della storia. Gli storici e i letterati italianisti che hanno contribuito con i loro scritti alla realizzazione di questo libro dimostrano come quel moto transculturale di scambio e di confronto che – a partire da Petrarca – vide il fecondo propagarsi della civiltà italiana nei diversi paesi d’Europa e poi del mondo non si è mai interrotto, trovando in particolare nell’operato di esuli e migranti occasione di rinnovamento e di messa a punto di nuove qualità.

Indice

Anna Tylusinska-Kowalska, Kilka słów wstępnych do trzeciego tomu Italipolis

Dario Prola, Stefano Rosatti, L’esule e il migrante: due paradigmi italiani della contemporaneità

Anna Tylusinska-Kowalska, La Sicilia di Luisa Adorno: ricordi personali,
scritti letterari

Sonia Maura Barillari, Ungaretti, la lauzeta, la Provenza

Silvia Zoppi Garampi, Le stesure inedite di una prosa di viaggio di Ungaretti: 1929–1958

Andrea Manganaro, Foscolo esule in Inghilterra: il saggio The Women of Italy

Andrea Gialloreto, “L’Argentina non è fatta per ‘fare l’america’”: le storie di emigrazione di Laura Pariani

Claudio Milanesi, Esuli, emigrati e viaggiatori italiani negli scritti di Enrico Deaglio

Stefano Redaelli, Un viaggio chiamato follia: La prima verità di Simona Vinci

Novella Di Nunzio, Modernismo e diaspora. «Aidai» e il Montale dei profughi lituani

Felice Rappazzo, Carlo Levi reporter, saggista e antropologo

Antonio Catolfi, Il metodo Garrone: limiti, luoghi e migrazioni nel cinema
di Matteo Garrone

Sebastiano Valerio, I Paradossi di Giovanni Bernardino Bonifacio, esule italiano
tra Polonia e Lituania

Fabio Caffarena, Revelstoke e Non ho l’età: dalle lettere alle docustorie migranti

Antonio Baglio, Itinerario di un “ami de la France”: emigrazione ed esilio nella parabola letteraria e politica di Luigi Campolonghi

Piotr Podemski, La nascita degli Stati Uniti d’America e la morte della Confederazione polacco-lituana nelle memorie di Filippo Mazzei

Fulvio Conti, Un veicolo di italianità. Le logge del Grande Oriente d’Italia nei paesi del Mediterraneo e in America latina (1860–1925)

Rita Tolomeo, Il Trattato di Passarowitz. Una complessa trattativa

Paola Nardone, Natascia Ridolfi, Gli italiani in Libia: lavoro e turismo negli anni Trenta e Quaranta del XX secolo

Voir aussi Italipolis, vol. 2 (Warszawa, DiG 2020): In viaggio: incontri, percezioni e riflessioni lungo il filo della poiesi, a cura di Novella Di Nunzio e Antonio Sciacovelli


Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search