(De)scrivere Roma nell’Ottocento: alla ricerca del museo delle radici culturali europee


Convegno internazionale
(De)scrivere Roma nell’Ottocento: alla ricerca del museo delle radici culturali europee
Giovedì 12 Aprile 2018 (Istituto Storico Austriaco a Roma)
Venerdì 13 aprile (Accademia di Romania in Roma)

Programma 12-13 aprile 2018

Nei testi di diversi scrittori europei dell’Ottocento, come Goethe, Stendhal, Asachi, Shelley, Grillparzer, giocano un ruolo importante le descrizioni di opere d’arte viste durante i viaggi in Italia. Da queste descrizioni si costituisce una sorta di museo, inteso come somma di riferimenti al patrimonio della cultura classica, ma anche come comune serbatoio di storie, temi, motivi mitologici, letterari e plastici, destinati a circolare nelle culture europee dell’Ottocento. Nel convegno ci si propone di analizzare in che modo il viaggio in Italia e la descrizione delle opere d’arte abbiano contribuito alla genesi di un’identità europea.
Si porrà l’accento sulle descrizioni dei monumenti ammirati in Italia, e in particolare a Roma, da parte degli scrittori dell’Ottocento, come segno di appartenenza a una stessa « famiglia di spiriti » europea. Si può affermare che questi scrittori, venendo tutti nello stesso periodo in Italia, abbiano trovato un museo dei “lari” europei che hanno poi descritto con rispetto nelle loro opere, operazione che ha generato in seguito una comune “identità culturale europea”? Considerando che l’Ottocento era anche il momento in cui si stava definendo il concetto delle culture nazionali, sarebbe interessante capire in che modo il viaggio nel “museo Italia” desse a questi scrittori l’impressione di (ri)trovare le fonti della cultura europea.
Il secondo nucleo di interesse del convegno riguarda il punto di vista degli scrittori italiani: in che misura anche per loro il viaggio nelle città d’arte italiane era centrale per definire la propria identità culturale? Esiste un Grand Tour degli scrittori italiani in Italia, prima e dopo l’unificazione nazionale? Vedevano anch’essi in Roma e nelle altre città d’arte italiane un “museo” della cultura europea oppure un simbolo specifico della cultura nazionale? Ad esempio nella Roma napoleonica dei primi dell’Ottocento la romanità antica costituiva un’eredità da far rivivere, un mito che sarebbe ritornato in seguito, dopo l’unificazione, con la « terza Roma ». Si potrebbe pensare alla Firenze di Foscolo, alla Roma di Leopardi, oppure ai Sonetti romaneschi e al diario del viaggio a Milano di Belli, fino alle Odi barbare di Carducci. Anche per gli scrittori italiani si dovrebbe discutere il ruolo svolto dalla descrizione delle opere d’arte nel processo della costruzione dell’identità nazionale.
Il colloquio accoglie i contributi rilevanti nel campo della letteratura comparata, della letteratura italiana e delle letterature europee dell’Ottocento e della storia, che risponderanno a questi interrogativi. Le lingue previste per le relazioni sono italiano, francese e inglese.

Organizzazione: Alexandra Vranceanu, Angelo Pagliardini

Comitato scientifico:
Francis Claudon, Silvia Tatti, Alexandra Vranceanu, Angelo Pagliardini


Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.