Massimo D’Azeglio, Epistolario (1819-1866), vol. IX (2 gennaio 1857 – 27 dicembre 1859)

epistolario-dazeglio

Massimo D’Azeglio, Epistolario (1819-1866), IX (2 gennaio 1857 – 27 dicembre 1859)
A cura di GEORGES VIRLOGEUX
Torino, Centro Studi Piemontesi, pagg. LVIII-526, 2016.
Prezzo di copertina € 36,00
ISBN: 978-88-8262-246-6

Oltre 5000 lettere finora acquisite (di cui un terzo inedite) e indirizzate a 400 destinatari costituiscono il corpus dell’Epistolario, offerto in una edizione filologicamente corretta, prevista in almeno 10 volumi. Oltre ai grossi fondi archivistici di Roma, Milano, Torino, Saluzzo, Forlì, Ravenna e Livorno vi confluiscono gli autografi provenienti da tutte le altre sedi che è stato possibile interrogare cercando di porre fine, almeno in gran parte, alla “diaspora” lamentata da tutti gli studiosi di Massimo d’Azeglio.
Ad opera ultimata, la conoscenza dell’azione e del pensiero dello Statista ne uscirà più completa ed esatta. La personalità dell’Azeglio (politico, uomo di mondo, scrittore, pittore, viaggiatore) ne risulterà incontestabilmente approfondita, illustrata anche negli aspetti più sottilmente e psicologicamente legati all’uomo Tout court.
Questa edizione fa intera luce sull’ampio giro di relazioni che l’Azeglio intrattenne con corrispondenti vari, con amici e con familiari.
Gli storici dell’arte non hanno avuto finora disponibile per i loro studi se non il testo dei Ricordi e qualche frammento della corrispondenza. Le lettere del primo periodo romano (1819-1829) e del periodo milanese (1831-1844), durante i quali l’attività dell’Azeglio è quasi esclusivamente letterario e artistica, erano fino ad oggi per la maggior parte inedite.
Alle molte lacune e alle vecchie imperfezioni hanno posto rimedio, per il periodo che va dal 1819 al dicembre 1859 i primi nove volumi usciti finora, che possono essere messi subito a disposizione di chi voglia sottoscrivere l’opera intera. Alle imperfezioni e lacune restanti attenderanno i volumi successivi che saranno via via pubblicati in un arco di tempo ragionevolmente breve.
L’Epistolario azegliano, frutto di un’imponente mole di lavoro, è curato da Georges Virlogeux, italianisant dell’Università di Aix-en-Provence, che ha censito, raccolto, ordinato, annotato l’intero materiale con filologica acribia e dedizione appassionata.
(présentation éditeur)

Per info e acquisti:
CENTRO STUDI PIEMONTESI
Via Ottavio Revel 15-10121 Torino
Tel: 011 537486
e-mail: lara.ferrando@studipiemontesi.it


Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *